lunedì , dicembre 11 2017
Home / Computer / Sicurezza online, italiani ancora troppo disattenti
sicurezza online

Sicurezza online, italiani ancora troppo disattenti

Una tentazione irresistibile: è questa la definizione più calzante per il wifi libero e gli italiani, che difatti sembrano non porsi domande di sorta (soprattutto sul versante della sicurezza) quando trovano una rete libera gratuita e performante a cui connettersi. Un comportamento che però può avere conseguenze pesanti sul fronte delle informazioni di natura sensibile e della privacy di chi cade in tentazione.

La più grande tentazione. A fare il punto sulla questione è una ricerca condotta da Norton by Simantec, specialista del settore sicurezza sul Web, su un campione di 15 mila utenti di tutto il mondo: in generale, nessuno al mondo resiste alla presenza di una rete Wi-Fi senza pagare, sia da casa che dallo smartphone, ma in Italia questo fenomeno assume proporzioni particolari.



Sfruttare le reti libere. I nostri connazionali, infatti, si dicono nel 60 per casi disposti a correre qualsiasi insidia pur di navigare, incuranti della scarsa riservatezza garantita da reti pubbliche e private aperte. In particolare, poi, circa un navigante tricolore su sei ha approfittato dei collegamenti free per consultare immagini o video per adulti, con una certa predominanza di luoghi pubblici (il 60 per cento ha sfruttato le reti wifi in locali come bar o ristoranti o in strada), mentre il 36 per cento confessa addirittura di averlo fatto a casa di amici.

Il rischio dimenticato. Insomma, nonostante la crescita dei problemi legati alla cybersecurity e ai crescenti allarmi a livello internazionale, soprattutto in Italia le persone si rivelano in realtà poco attente, dimostrando scarso timore e preoccupazioni al momento della navigazione per conseguenze come la possibilità di essere spiati o addirittura di diventare facili prede di attacchi o frodi via internet.

Più vulnerabili. Come spiegano gli esperti di Norton, quando si utilizza una rete Wi-Fi pubblica non si ha certezza delle informazioni che possono restare private, e anche dati sensibili considerati al sicuro sui dispositivi personali potrebbero al contrario divenire accessibili dagli hacker, che potrebbero sfruttare reti Wi-Fi non protette o anche app che presentino delle vulnerabilità.

Le differenze tra il wifi libero e quello di casa. Differente invece la situazione in ambito domestico, dove ci sono maggiori barriere che possono creare più difficoltà di accesso ai pirati informatici; anche l’infrastruttura stessa può essere un elemento importante per la propria sicurezza, e operatori come Eolo hanno puntato molto proprio su questi aspetti nei propri pacchetti di offerta Wifi casa. Più in generale, comunque, ci sono delle difese attuabili anche all’aperto (o quando si sfrutta il wifi di qualche amico o vicino di casa).

I consigli per la sicurezza. Innanzitutto, il primo suggerimento è di utilizzare un software per la sicurezza, come le reti private virtuali che possono proteggere le informazioni personali online, crittografando e rendendo meno accessibili a terzi i dati inviati e ricevuti tra un dispositivo e internet. Secondo consiglio è quello di controllare che il sito utilizzato utilizzi il protocollo di sicurezza HTTPS, che sancisce un maggior livello di crittografia dei dati, anche per i pagamenti digitali; terzo, ma non ultimo, è un invito al “buon senso”.

Attenzione alla condivisione. Ovvero, anche gli esperti di Norton spiegano che il modo migliore per evitare problemi di sicurezza, soprattutto quando ci si collega attraverso una linea “incerta”, è quello di condividere il minor numero di informazioni possibile; pertanto, meglio evitare di collegarsi al proprio conto corrente, di inserire dati sensibili o finanziari o di movimentare password delicate, perché queste operazioni potrebbero rendere i propri file più vulnerabili, soprattutto se l’opzione di condivisione del proprio dispositivo è attiva.



About Lisetta

Check Also

convertire da dvd a avi

Come convertire un video da DVD a AVI con Movavi Video Converter

Quante volte hai avuto la necessità di convertire un video da DVD al formato AVI, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *